cammino sant antonio 2012Dopo aver percorso il Cammino dei Protomartiri Francescani abbiamo deciso di continuare idealmente la loro missione percorrendo il Cammino di Sant'Antonio in quanto fu il loro martirio che diede la forza a Sant'Antonio di abbracciare la spiritualità francescana ed entrare la famiglia di Francesco. Forse possiamo dire che dal sangue dei Protomartiri nasce la vocazione francescana di Sant'Antonio. Con l'arrivo a Padova il 30 Aprile 2014 si è concluso il pellegrinaggio alla tomba di Sant'Antonio. Pellegrinaggio effettuato da 17 pellegrini. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VENEZIA

28 Aprile 2012

001

 Partenza da Terni alle ore 5,30Ore 05,00 partenza del pellegrinaggio da Terni per Perugia. Ore 6,30 partenza da Perugia e arrivo a Venezia

 Abbiamo alloggiato all'ostello di Venezia presso l'isola della Giudecca

 Basilica della MAdonna della SAlute 

 

 

 

 

 

 

 

Venezia - Dolo

29 Aprile 2012

010

Abbiamo iniziato il nostro pellegrinaggio dalla bellissima Basilica del Santissimo Redentore, più nota semplicemente come chiesa del Redentoreprogettata dall'architetto Andrea Palladio nel 1577 sull'isola della Giudecca. Ringraziamo Padre Luca per l'ospitalità che ci ha riservato. In chiesa ci ha impartito le nostra solenne benedizione  e ci ha illustrato l'architettura e i capolavori della basilica. Dopo l'immancabile timbro di inizio pellegrinaggio ci siamo diretti al vaporetto presso l'imbarco delle "zattere" e in mezz'ora siamo arrivati a Fusina (tragitto di Km 6,00). A Fusina abbiamo iniziato a camminare lungo la suggestiva riviera del Brenta. Il fiume sarà nostro compagno di viaggio nel passaggio da una città all'altra A Malcontenta abbiamo visitato la bellissima Villa Foscari detta La Malcontenta costruita dal Palladio nel 1559. Poi siamo passati davanti alla stupenda Villa Valmarana (peccato che era chiusa). A Mira Porte ci siamo fermati in una osteria per il pranzo. Da li è stato, sempre seguendo il naviglio, un susseguirsi di incantevoli Ville. Alla fine di queste meraviglie siamo arrivati al delizioso paese di Dolo, e abbiamo attraversato il bellissimo mulino demaniale del 1500 sul Brenta per arrivare all' Albergo alla Campana (peccato che a Dolo non ci siano rifugi per pellegrini!!!). Dopo la doccia siamo andati a Messa alla Chiesa di San Rocco. Dopo la funzione abbiamo chiesto al parroco l'apposizione del timbro e in quell'occasione abbiamo saputo che quella sera c'era la festa con ristorazione. Cosi abbiamo deciso di cenare agli stand gastronomici, per mangiare i piatti tipici della zona. Prima di cena comunque abbiamo visitato Dolo e abbiamo ammirato il cinquecentesco "squelo" (lo squelo è il tipico cantiere per imbarcazioni a remi).

Dolo - Padova

30 Aprile 2012

034Villa Pisani a Stra - Villa Foscarini - Villa Giovannelli - Abbiamo pernottato a Padova presso l'ostello Città di Padova.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Padova

1 Maggio 2012

036Padova è la città dei “tre senza”:“Santo senza nome“, perché Sant’Antonio, di cui è tradizionalmente popolare la devozione, è comunemente chiamato “il Santo” per antonomasia, con speciale riferimento alla Basilica omonima; “Caffè senza porte“, perché il monumentale Caffè Pedrocchi, storico locale cittadino, anticamente era aperto ad ogni ora del giorno; “Prato senza erba“, perché il Prato della Valle, spettacolare “piazza”, era una volta una superficie paludosa. Oggi giornata dedicata alla visita della città. Per prima cosa Santa Messa in Basilica, dove c'era ..... poi Cappella degli Scrovegni (quella di Giotto) peccato che abbiamo potuto visitare soltanto la attigua Chiesa perchè non avevamo la prenotazione poi a seguire il "Bar" e piazza delle Erbe con il suo ....... Ore 16,30 partenza da Padova per ritornare a Terni

 

 

 

 

LE FOTO DEL PELLEGRINAGGIO