locandina cammino amore 2008Il quattro ottobre 2008, nella giornata dedicata alla celebrazione di San Francesco, dopo cinque giorni di viaggio, si è concluso splendidamente ad Assisi il "Cammino dell'Amore", pellegrinaggio percorso a piedi da 33 persone e partito dalla Basilica di San Valentino in Terni il 30 settembre.

Il pellegrinaggio è stato promosso dalla Associazione Diabetici della Provincia di Terni ONLUS ed è stato organizzato dalla Compagnia dei Romei di San Michele Arcangelo e dalla Associazione Santiago 2004.

Il Cammino dell'Amore nasce dal desiderio dei promotori di ripetere e trasportare nelle nostre terre l'esperienza spagnola maturata nel 2007, quando molti soggetti diabetici hanno vissuto l'esperienza del pellegrinaggio lungo i sentieri del Camino de Santiago.

Il sorriso che ha accompagnato i partecipanti lungo i 110 Km del cammino e la bellezza dei paesaggi umbri attraversati, lascia intendere che, sicuramente, questa esperienza non sarà fine a se stessa, ma destinata a ripetersi nel tempo.

I pellegrini hanno dato vita ad un gruppo coeso che ha permesso a tutti di godere in questo breve lasso di tempo di una pace ristoratrice.

Il motto che ha accompagnato i "pellegrini" lungo il percorso "per la salute del corpo, alla ricerca dell'anima", la dice lunga sia sullo spirito della iniziativa che sulle motivazioni che inducono l'uomo moderno a staccare dalla propria quotidianità e ad intraprendere un "cammino" che lo porti verso la sua spiritualità per interrogarsi sulla propria vita e riscoprire il senso della sua esistenza.

 

 

 

 

30 Settembre 2008

dalla Basilica di San Valentino (Terni) a Ceselli (PG)

(distanza percorsa circa Km 30)

003

Partenza dalla Basilica di San Valentino a Terni il giorno 30 settembre 2008 alle ore 9,15 dopo la Santa Messa nella quale è stata impartita la solenne benedizione del pellegrino che prevede la consegna del bastone e della bisaccia officiata da Mons. Antonio Maniero. Questa tappa ci ha condotto a Ceselli attraversando le vie cittadine sino a Papigno e per poi discendere sino alla Cascata delle Marmore da dove abbiamo imboccato i sentieri del parco fluviale del Nera che costeggiano appunto il fiume La Nera e siamo arrivati a lambire Casteldilago per poi proseguire per Arrone, dove abbiamo visitato la chiesa di Santa Maria Assunta e abbiamo apposto il timbro sulla credenziale. Ad Arrone ai bordi del fiume, su un grazioso parco attrezzato, abbiamo pranzato e riposato, poi abbiamo ripreso il cammino in direzione di Ferentillo. A Ferentillo (Precetto) abbiamo effettuato una sosta ristoratrice e successivamente abbiamo attraversato l'abitato di Macenano e il ponte di Terria e intorno alle ore 18,30 siamo giunti a Ceselli, dove abbiamo visitato la chiesa di San Michele Arcangelo e abbiamo apposto il timbro di fine tappa sulla credenziale. A Ceselli, visto che non c'è una struttura ricettiva, ci aspettava un autobus che ci ha condotti per il pernottamento al Valico dei pellegrini in località Forcella di Bazzano. Qui in uno stupendo casolare appena ristrutturato e messo a nostra disposizione abbiamo cenato e dormito.

 

1 Ottobre 2008

da Ceselli (PG) a Forcella di Bazzano (PG)

(distanza percorsa circa Km 16)

033

Di buon mattino il nostro autobus ci ha ricondotti a Ceselli, dove il giorno prima eravamo arrivati e da li abbiamo ripreso il cammino. Questa tappa ci ha condotto al valico dei pellegrini in località forcella di Bazzano. Abbiamo attraversato in mattinata Scheggino dove abbiamo visitato la chiesa di San Nicola e come sempre abbiamo apposto il timbro sulla credenziale e Santa Anatolia di Narco e anche qui abbiamo visitato la chiesa e apposto il timbro sulla credenziale.  A Santa Anatolia di Narco abbiamo effettuato la pausa pranzo. Nel pomeriggio abbiamo imboccato il percorso la vecchia linea ferroviaria della Spoleto – Norcia. Suggestivo tracciato ben curato e nella salita abbiamo ammirato le opere di alta ingegneria effettuate ai primi del'900; quali i viadotti e le gallerie. Emozionante è stato il percorrere le gallerie buie e in una addirittura non ci siamo accorti per il buio che invece di essere diritta era una galleria che faceva una curva di quasi 270°. Successivamente abbiamo abbandonato il percorso della ferrovia e ci siamo addentrati in un bosco seguendo un sentiero che ci ha condotti a Forca di Cerro e da li abbiamo raggiunto Forcella di Bazzano percorrendo delle strade sterrate. A Forcella di Bazzano, come il giorno precedente abbiamo albergato nello stupendo casolare. Questa sistemazione praticata per i primi due giorno ci ha permesso di creare una forte coesione nel gruppo. Verso le ore 19,00 abbiamo celebrato nel casolare la Santa Messa. A seguire lauta cena e poi tutti a dormire.

  

2 Ottobre 2008

da Forcella di Bazzano (PG) a Trevi

(distanza percorsa circa Km 22)

163

Finalmente si riparte a piedi da dove si era arrivati!!!! Questa tappa partendo da Forcella di Bazzano ci a condotti a Trevi attraversando Bazzano Superiore dove abbiamo visitato la chiesa di Sant’Andrea e abbiamo apposto il timbro sulla credenziale (ringraziamo il parroco per l'onore riservatoci accogliendoci con le campane suonate a festa), scendendo a Poreta dove abbiamo visitato la chiesa di San Cristoforo e come sempre apposto il timbro sulla credenziale, aggirando Campello sul Clitunno e arrivando al Castello di Pissignano (ora chiamato Lizzori) con sosta per il pranzo e pausa di riposo al caldo sole ottobrino. Incantevole borgo medioevale interamente ristrutturato. Nel pomeriggio abbiamo proseguito prima attraversando Pigge e poi seguendo l'antico acquedotto, che dicono risalga ai romani, arrivando a Trevi sempre passando attraverso gli ulivi. Abbiamo di fatto seguito buona parte di quello che il Sentiero degli Ulivi. A Trevi visita della incantevole cittadina e visita alla chiesa di San Giovanni e il Duomo e qui apposizione del timbro sulla credenziale. Trevi è molto bella e poi ci sono dei bellissimi panorami che permettono di vedere a sud Spoleto e a Nord Assisi e Perugia. Successivamente il pullman ci ha trasportati per la sistemazione della notte presso l’Oasi di San Francesco, struttura di accoglienza religiosa posta su una collinetta appena fuori di Foligno. Dopo cena abbiamo celebrato la Santa Messa nel coro della chiesa del Convento dei Cappuccini. E poi tuti a dormire.

 

3 Ottobre 2008

da Trevi a Spello

(distanza percorsa circa Km 20)

270Questa tappa partendo da Trevi ci ha condotti a Spello attraversando strade interpoderali sino a Carpello e poi sino a il Convento di San Bartolomeo dove abbiamo pranzato. Nel pomeriggio abbiamo lambito Foligno e proseguito sempre con strade sterrate sino a Spello. Abbiamo visitato Spello e la chiesa di Santa Maria Maggiore con gli stupendi affreschi del Pinturicchio e apposto il timbro sulla credenziale. Il pullman ci ha ricondotti all'Oasi di San Francesco a Foligno. Abbiamo celebrato la Santa Messa nel coro della chiesa del Convento dei Cappuccini.

 

 

 

 

 

 

4 Ottobre 2008

da Spello ad Assisi

(distanza percorsa circa Km 12)

284

Siamo partiti da Spello di buon mattino e passando per una strada panoramica a mezza costa, immersa negli ulivi, siamo arrivati ad Assisi. A Viole di Assisi ci siamo fermati per la pausa pranzo. Quindi abbiamo ripreso il cammino e intorno alle ore 14,00 circa abbiamo varcato la porta di Assisi, quella nei pressi della chiesa di Santa Chiara. A Santa Chiara siamo entrati per un preghiera e sulla scalinata antistante la chiesa, felici di essere arrivati ad Assisi ci siamo fatti una foto di gruppo. Da li sotto una pioggerellina fina, a noi è sembrata una benedizione, ci siamo accinti a concludere il pellegrinaggio in Assisi alla Basilica del Santo. Siamo scesi alla tomba di San Francesco, ove ognuno di noi ha pregato in silenzio. Successivamente abbiamo partecipato alle funzioni e manifestazioni organizzate per la festa del patrono d'Italia. Alle ore 18,30 abbiamo partecipato alla solenne Santa Messa nella Basilica Inferiore di San Francesco in Assisi. Meravigliosa è stata l’accoglienza ricevuta ad Assisi dai partecipanti al “Cammino dell’Amore”. Infatti  Solenne Santa Messa i frati oltre a riservarci i posti presso il transetto nord (di fatto vicino all’altare papale della Basilica inferiore) ci hanno onorato di animare la Santa Messa e ci hanno consegnato l'attestato di avvenuto pellegrinaggio subito da noi ribattezzato la “Francescana” (l’equivalente della Compostela rilasciata ai pellegrini di Santiago).

 

LE FOTO DEL PELLEGRINAGGIO